Il Cardinale Burke sulla correzione formale
da inoltrare a Papa Francesco

Nella nostra traduzione da LifeSiteNews, pubblichiamo di seguito le più recenti dichiarazioni del cardinale Burke. Nella sostanza non porta elementi nuovi rispetto a precedenti dichiarazioni da noi puntualmente riprese; ma è importante la conferma che la 'correzione formale'. che qualcuno considerava tramontata, vedrà la luce.

16 agosto 2017 - In una nuova intervista il Cardinale Raymond Burke afferma: "poiché Papa Francesco ha scelto di non rispondere alle cinque domande sulla sua esortazione Amoris Laetitia secondo l'insegnamento cattolico, si rende necessaria una "correzione" dei punti in cui il suo insegnamento si allontana dalla fede cattolica".
 
Il cardinale - uno dei quattro che circa un anno fa hanno firmato i dubia chiedendo al papa di chiarire il suo insegnamento -, ha spiegato in un'intervista a The Wanderer le modalità di enunciazione della "correzione formale". Egli ha dichiarato:
"Mi sembra che l'essenza della correzione sia abbastanza semplice". "Da una parte si esprime l'insegnamento chiaro della Chiesa; dall'altra, si afferma cosa in realtà viene insegnato dal Romano Pontefice. Se c'è una contraddizione, il romano pontefice è chiamato a conformare il proprio insegnamento in obbedienza a Cristo e al Magistero della Chiesa. Ci si pone la domanda del come dovrebbe farsi: si fa molto semplicemente con una dichiarazione formale al quale il Santo Padre dovrà rispondere.
Nel proporre i dubia al Papa, i Cardinali Brandmüller, Caffarra, Meisner ed io abbiamo usato un istituto giuridico vigente nella Chiesa antica . Ciò è stato fatto in termini molto rispettosi e in alcun modo aggressivi, al fine di dargli l'occasione di esporre l'insegnamento immutabile della Chiesa. Papa Francesco ha scelto di non rispondere ai cinque dubia; quindi ora è semplicemente necessario affermare ciò che la Chiesa insegna sul matrimonio, sulla famiglia, sugli atti intrinsecamente malvagi e così via. Questi sono i punti non chiari negli attuali insegnamenti del Romano Pontefice. Conseguentemente, questa situazione deve essere corretta. La correzione quindi si orienterebbe principalmente su quei punti dottrinali ".
L'anno scorso i quattro cardinali hanno reso pubbliche le loro domande (dubia) dopo che il papa ha mancato di dar loro una risposta. Avevano sperato che il Papa rispondesse alle loro cinque domande sì o no, in modo da fugare "l'incertezza, la confusione e il disorientamento di molti fedeli" a causa della controversa esortazione.
Nel mese di giugno, i quattro hanno rilasciato una lettera al papa, in cui gli hanno chiesto, senza esito, un'udienza privata proprio per discutere di questa "confusione e disorientamento".
L'esortazione è stata utilizzata da vari vescovi e gruppi di vescovi, tra cui quelli  dell'Argentina, di Malta, della Germania e del Belgio, per emettere linee guida pastorali che permettono di ammettere alla Santa Comunione cattolici divorziati e risposati che vivono in stato di adulterio. Ma i vescovi del Canada e di Polonia hanno pubblicato istruzioni sulla base della loro lettura dello stesso documento che vieta a tali coppie di ricevere la Comunione.
Papa Francesco deve ancora entrare in dialogo con i tre cardinali rimanenti [dopo la morte del card. Meisner].
Nell'intervista a The Wanderer Burke ha detto che il Papa è il "principio di unità dei vescovi e di tutti i fedeli". Ed ha aggiunto: "Tuttavia, la Chiesa in questo momento  è lacerata dalla confusione e dalla divisione". "Il Santo Padre deve essere chiamato ad esercitare il suo ufficio per porre fine a questo".
Se il Papa continua nel suo rifiuto di rispondere ai dubia, "il prossimo passo sarebbe una dichiarazione formale che dichiara gli insegnamenti chiari della Chiesa come esposti nei dubia", ha detto Burke.
"Inoltre, si afferma che queste verità della fede non sono chiaramente definite dal romano pontefice. In altre parole, invece di porre le domande come è stato fatto nei dubia, la correzione formale starebbe affermando le risposte chiaramente insegnate dalla Chiesa ", ha aggiunto.
Si ammette ampiamente che i Cardinali, seguendo le dottrine della Chiesa sul matrimonio, la confessione e l'Eucaristia, risponderanno alle cinque domande sì o no in questo modo:
  1. Seguendo le affermazioni di Amoris Laetitia (nn 300-305), può una coppia adultera abituale assegnare l'assoluzione e ricevere la Santa Comunione? NO
  2. Con la pubblicazione di Amoris Laetitia (cfr n. 304), si deve ancora considerare valida l'insegnamento di San Giovanni Paolo II in Veritatis Splendor che esistono "norme morali assolute che vietano atti intrinsecamente male e che siano vincolanti senza Eccezioni? " SI
  3. Dopo Amoris Laetitia (n. 301), è ancora possibile affermare che l'adulterio abituale può essere una "situazione oggettiva di grave peccato abituale?"
  4. Dopo le affermazioni di Amoris Laetitia (n. 302) sono gli insegnamenti di Giovanni Paolo II in Veritatis Splendor ancora validi che "le circostanze o le intenzioni non possono mai trasformare un atto intrinsecamente malvagio in virtù del suo oggetto in un atto" soggettivamente "buono o difendibile una scelta"?
  5. Dopo Amoris Laetitia (n. 303) bisogna ancora considerare valida l'insegnamento dell'enciclica Veritatis Splendor di San Giovanni Paolo II " che esclude un'interpretazione creativa del ruolo della coscienza e che sottolinea che la coscienza non può mai essere autorizzata a deroghe legittime A norme morali assolute che vietano atti intrinsecamente malvagi in virtù del loro oggetto? "
Il cardinale Burke ha affermato che i fedeli cattolici delusi dal governo della Chiesa da parte di Papa Francesco non devono indulgere ad alcuna nozione di "scisma". E ha detto: "La gente parla di uno scisma de facto. Sono assolutamente contrario a qualunque forma di scissione formale - uno scisma non potrebbe mai essere corretto ".

"Tuttavia, le persone possono vivere in una situazione scismatica se l'insegnamento di Cristo è stato abbandonato. La parola più appropriata sarebbe quella usata dalla Madonna nel suo Messaggio di Fatima: apostasia. Ci può essere apostasia all'interno della Chiesa e questo, infatti, è ciò che sta succedendo". Ed ha aggiunto "Nostra Signora l'ha attribuito  al fallimento dei pastori nel portare la Chiesa all'unità ".
[Traduzione a cura di Chiesa e postconcilio] - 20 agosto 2017

| home | | top| | indietro |